Finanza etica: l’importanza della diversità e inclusione

Diversità e inclusione rappresentano una via obbligata per una società più equa a cui si aggiunge, e non è di poco conto, la capacità di creare valore economico nel lungo periodo. L’importanza e l’urgenza del tema ambientale è ormai universalmente riconosciuta, tuttavia non si può più trascurare anche la questione sociale, soprattutto in seguito alla pandemia, con tutte le sue implicazioni in relazione a diritti umanilavoroequità e giustizia. L’emergenza Covid-19, infatti, ha colpito più duramente donne e giovani, dimostrazione del fatto che occorre lavorare anche sugli anticorpi culturali e sociali per superare gli effetti della pandemia.

La finanza etica nasce per mettere al centro delle scelte finanziarie degli investitori, le persone e l’ambiente. Questo significa assumere un approccio responsabile e capace di generare un impatto positivo sul Pianeta.

Diversità e inclusione incidono sui risultati economici

Uno studio pubblicato di recente sulla Harvard Business Review[1] ha dimostrato che le organizzazioni più attente a diversità e inclusione all’interno della propria struttura riescono in modo più incisivo a estendere ai propri dipendenti la partecipazione alla vita aziendale e a impostare una più efficace strategia orientata al miglioramento continuo.

Anche da un punto di vista finanziario le performance possono beneficiare del fattore diversità, come è stato provato nel report di McKinsey in cui si evidenzia la relazione positiva tra diversità etnica, culturale e di genere negli executive team e la probabilità di ottenere una sovra-performance finanziaria da parte delle aziende: i dati hanno dimostrato che tra le imprese analizzate quelle che per diversità etnica e culturale nei team esecutivi si posizionavano nel primo quartile hanno registrato nel 2019 il 36% di probabilità in più di sovraperformare rispetto alle aziende del quarto quartile.

Se ci si focalizza sulla diversità di genere, lo studio ha dimostrato che le aziende del primo quartile hanno sovra-performato quelle del quarto quartile del 25% in termini di redditività. Un altro report, intitolato “Womenomics” e redatto da Goldman Sachs, ha dimostrato che le aziende con più donne tra i manager hanno storicamente registrato performance migliori. Tuttavia, dice lo stesso rapporto, resta il problema del gender pay gap, ovvero la disparità salariale tra uomo e donna (a parità di ruoli ricoperti) che si attesta ancora intorno al 12-18%.

La selezione di Etica Sgr

In Etica Sgr, prima degli investimenti, applichiamo un rigoroso processo di selezione degli emittenti chiamato ESG EticApproach®. Questa metodologia proprietaria propone prima i criteri negativi di esclusione, che scartano emittenti coinvolti in attività controverse, poi criteri positivi di valutazione: solo gli emittenti migliori del proprio settore (approccio “best in class”) e aventi un profilo qualitativo e reputazionale buono, entrano a far parte del paniere dei fondi di Etica Sgr.

Tra i criteri di selezione delle aziende c’è per esempio l’adozione di politiche su pari opportunità e diversità, politiche di rispetto e promozione dei diritti umani e politiche di sostegno della non discriminazione. Questo filtro si applica anche sul versante obbligazionario, attraverso parametri specifici per l’analisi degli Stati come il Gender Equality Index, un indice che misura l’impatto della diversità di genere.

L’impegno di Etica Sgr

La necessità di comprendere e valutare l’impatto di questi criteri è fondamentale per Etica Sgr, che è focalizzata sui temi di diversità e inclusione, impegnandosi a misurare e rendicontare l’impatto ambientale e sociale dell’investimento pubblicando ogni anno il Report di Impatto.

Questi strumenti sono la chiave per affrontare la fase post-pandemica, considerando che la sostenibilità sarà uno dei maggior trend di mercato e l’interesse degli investitori è alto.

La situazione che abbiamo vissuto durante l’emergenza Covid-19 ha portato a riflettere sull’approccio di crescita economica in chiave più inclusiva ed è il momento di agire per la costruzione di un modello in cui Etica Sgr crede da sempre: un sistema economico sostenibile, etico e inclusivo.

Note

[1] “Getting serious about diversity” (Il valore premiante delle diversità) di Robin J. Ely, professoressa alla Harvard Business School e David A. Thomas, presidente del Morehouse College, Harvard Business Review novembre-dicembre 2020

Si prega di leggere le Avvertenze.

Sociale e governance Come investire coronavirus impatto sociale Investitori Istituzionali
Ti potrebbe anche interessare