Human Rights in Bangladesh

Negli stabilimenti di abbigliamento del Bangladesh negli ultimi sei mesi sono avvenuti tre drammatici incidenti (a novembre, aprile e maggio), che hanno causato complessivamente 1.500 morti e oltre 1.000 feriti.
Il network di ICCR si è attivato per redigere un investor statement sulla tematica dei diritti umani, in particolare sulla salute e sicurezza del luogo di lavoro lungo la catena di fornitura in tale Paese.


Etica Sgr ha sottoscritto lo statement di ICCR insieme ad altri circa 200 investitori istituzionali
di Nord America, Europa e Australia in rappresentanza di 1.500 miliardi dollari di asset in gestione.
In particolare lo statement richiede alle aziende di:

  • Aderire all’iniziativa multi-stakeholder “Accord on Fire and Building Safety“, nella quale fanno parte l’ILO (International Labor Organization) e diversi soggetti tra ONG, sindacati e imprese;
  • Impegnarsi per rafforzare il ruolo dei sindacati locali e garantire stipendi minimi ai lavoratori;
  • Pubblicare la lista dei fornitori, in particolare quelli localizzati in Bangladesh e rendicontare sui sistemi di salute e sicurezza e la performance a riguardo;
  • Garantire alle famiglie adeguati sistemi di compensazione nel caso si verifichino delle controversie.

La dichiarazione di ICCR è stata inviata tra gli altri a cinque associazioni di categoria del settore  abbigliamento del Nord America tra cui American Apparel & Footwear Association, Canadian Apparel Federation, National Retail Federation, Retail Industry Leaders Association e l’Associazione statunitense degli importatori di Tessile e Abbigliamento, chiedendo loro di svolgere un ruolo sempre più attivo nello spingere  le aziende ad aderire al “Accord on Fire and Building Safety in Bangladesh“.

 

Prima dell’adesione leggere i KIID e il Prospetto disponibili presso i collocatori.
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.

Sociale e governance
Ti potrebbe interessare anche