Emergenza Coronavirus: Etica Sgr sottoscrive l’iniziativa per ripartire in modo sostenibile e responsabile

Emergenza Coronavirus: che cosa può fare una società di gestione etica in questa difficile fase di ripartenza?

Sicuramente incentivare le aziende ad avere un approccio “sostenibile e responsabile” per sostenere l’economia. Proprio questo è l’obiettivo dello Statement appena siglato da Etica Sgr insieme a una coalizione di investitori guidata da Iccr (l’Interfaith Center on Corporate Responsibility), Domini Impact Investments e Office of Nyc Comptroller e firmato da oltre 300 investitori per masse totali che superano gli 8.400 miliardi di dollari.

I punti salienti dello Statement

In sintesi gli investitori chiedono alle aziende di agire nelle seguenti aree in questo periodo.

Fornire congedi retribuiti a ogni categoria di impiegato (Provide paid leave).

Dare la priorità a salute e sicurezza sul lavoro (Prioritize Health and safety).

Mantenere l’occupazione (Maintain employment).

Mantenere le relazioni con i fornitori e i clienti (Maintain supplier/customer relationships).

Mantenere un atteggiamento di prudenza finanziaria (Financial prudence).

Etica Sgr protegge il lavoro e i lavoratori

aldo bonatiEtica Sgr ha deciso di supportare questa iniziativa in ragione della sua importanza intrinseca e del suo legame a temi strategici del Piano di engagement quali dignità del lavoro, diritti umani nella catena di fornitura e gestione delle disuguaglianze.

Sottoscrivendo questo Statement chiediamo alle aziende di proteggere il lavoro e i lavoratori «per esempio offrendo congedi retribuiti e dando priorità alla salute e alla sicurezza sul lavoro e chiedendo che siano mantenuti il livello occupazionale e le relazioni con fornitori e clienti, oltre a sviluppare un atteggiamento di prudenza finanziaria» dichiara Aldo Bonati, Corporate Engagement e Networks Manager di Etica Sgr.

«La nostra attenzione sarà anche rivolta alle azioni intraprese dai Consigli di Amministrazione delle società in cui investono i nostri fondi in relazione all’allocazione del capitale e quindi all’ammontare dei dividendi distribuiti o al riacquisto di azioni proprie. Quest’ultimo, in particolare, è un tema rilevante in USA e Giappone».

L’engagement di Etica Sgr nell’emergenza Coronavirus

Per Etica Sgr l’engagement è, da sempre, un elemento fondamentale della strategia SRI (Socially Responsible Investments), con precisi obiettivi da raggiungere insieme alle imprese nel tempo e in modo costruttivo e positivo. L’azione partecipativa non si limita al singolo momento assembleare, inteso come esercizio dei diritti di voto, ma si sviluppa in un continuo dialogo con gli emittenti nel corso dell’anno. Si tratta, dunque, di un processo di lungo periodo, che si pone l’obiettivo di condurre le imprese a comportamenti più virtuosi, sostenibili e trasparenti.

La crisi derivante dall’emergenza sanitaria ha determinato degli scompensi che possono essere critici ai fini della continuità aziendale e quindi, proprio per questo, “diventeranno parte integrante del dialogo con le società, italiane e straniere, in cui investono i nostri fondi “– puntualizza Bonati. “Per fare qualche esempio seguiamo con attenzione le aziende del settore farmaceutico in relazione alla condivisione di dati e brevetti per favorire l’accesso ai vaccini anche nei Paesi in via di sviluppo. Oppure, nel settore dell’abbigliamento, intendiamo dialogare con le aziende affinché diano priorità alla sicurezza sul lavoro e non penalizzino quei fornitori, in Paesi come il Bangladesh, che sono in ritardo a causa della pandemia di coronavirus”.


Si prega di leggere le Avvertenze.

Ti potrebbe anche interessare